Skip to main content

I blockbuster sono tornati, così come il pubblico, a giudicare dalla vincita da miliardi di dollari di “Top Gun: Maverick” di Tom Cruise, o dalla sensazione indie sfavorevole che è “Everything Everywhere All at Once”. Ma ora che gli spettatori hanno ancora una volta una gamma completa di offerte tra cui scegliere (dopo un periodo troppo lungo in cui sono stati bloccati a casa con le opzioni di streaming), la domanda secolare incombe: quali film vale la pena lasciare la bolla per vedere? I principali critici cinematografici di Variety Peter Debruge e Owen Gleiberman ripercorrono i primi sei mesi del 2022, selezionando le gemme del film che si sono distinte di più.

i migliori film del 2022

The Batman

Potrebbe essere il più grande film di fumetti mai realizzato. Il suo concorso per quell’onore, “Il cavaliere oscuro”, è stato giustamente paragonato a un thriller noir di Michael Mann. Ma “The Batman” è un dramma che non esiterei a paragonare a “Chinatown” – è quell’inebriante e avvincente, quell’intricato labirinto, che si realizza nel suo stato d’animo di ribollente inquietudine esistenziale oscura come la mezzanotte. Robert Pattinson interpreta il personaggio del titolo nei panni di un uomo così convincentemente tormentato dai fantasmi del suo passato che non vuole più nemmeno essere Bruce Wayne. Eppure, quando si sottrae all’identità di Batman, diventa un detective ipnotico come Will Graham in “Manhunter” – un investigatore di astuzia magnetica e abilità dalla voce fumosa, che infila un ago dopo l’altro per intrappolare l’Enigmista, interpretato da Paul Dano nei panni di un monumentale strisciamento di un caos subdolo e intrappolato esplosivo. Il regista, Matt Reeves, ritrae un mondo di corruzione a più livelli che è sinistro come i titoli dei giornali di oggi, ma “The Batman” risale anche ai fumetti splendidamente radicati degli anni ’40, quando un combattente del crimine solitario emergeva dall’umido gotico profondità potrebbe ispirare qualcosa come la speranza. —Owen Gleibermann

Beba

Ognuno ha una storia che vale la pena raccontare, ma pochi hanno la prospettiva o il senso naturale del cinema per modellare le proprie esperienze in un film che lo meriti. Rebeca Huntt ha trascorso quasi otto anni a organizzare il materiale che comprende il suo cine-memoir giovane ma mondana: un sofisticato mix di interviste, filmati d’archivio e rievocazioni, intrecciati insieme nella voce stessa del regista. Il risultato ipnotizzante prende l’esperienza di vita di Huntt, come donna afro latina nata a New York, e traduce così tante delle sue domande sull’identità, l’espressione di sé e il diritto a essere ascoltata in modi freschi e originali. Ispirata da artisti diversi come Agnès Varda e Terrence Nance, intreccia un chiaro punto di vista politico con gli istinti di un poeta naturale. — Peter Debruge

Catch the Fair One

In questa oscura scoperta del Tribeca Festival, lo sceneggiatore-regista Josef Kubota Wladyka si addentra nello stesso territorio nodoso di film come “Taxi Driver” e “Hardcore”, in cui ragazzi tosti si precipitano a salvare giovani donne vulnerabili da situazioni così terribili da fare la testa di un QAnonner rotazione. “Catch the Fair One” cambia la formula, posizionando una pugile indigena (Kali Reis, che ha co-sceneggiato il film) come sua eroina, mentre cancella molte speranze che possa mai trovare la sorellina rubata dai trafficanti di sesso. Il tono di questo thriller può essere cupo e cinico come vengono, ma la storia è in definitiva una di redenzione, poiché un personaggio che ha combattuto contro il sistema per tutta la sua vita si concentra sul suo avversario più formidabile di sempre. —PD

Good Luck to You, Leo Grande

Nei suoi ruoli migliori, Emma Thompson emana un’atmosfera così meravigliosamente corretta che è delizioso vederla contorcersi nei panni della professoressa di studi religiosi sessualmente repressa Nancy Stokes, vedova e in pensione, che decide in tarda età di indagare su tutto questo trambusto. Nancy assume una scorta (Daryl McCormack) e, nel corso di diversi incontri nella stessa suite impersonale d’albergo, si rilassa abbastanza lentamente da perseguire ciò per cui è venuta. La regista Sophie Hyde si affida a questi due attori per portare avanti la sceneggiatura schietta e articolata di Katy Brand, e anche se non si può negare che sembri un’opera teatrale, è un ottimo modo per avvicinarsi alla danza lenta intellettuale di questo film che dà potere. L’impostazione spinge questi due sconosciuti in una situazione fisicamente intima, eppure, le loro conversazioni imbarazzanti e accattivanti per rompere il ghiaccio sono ciò che conta davvero, mentre Nancy scopre che l’amore per se stessa è ciò che le è mancato di più in tutti questi anni. —PD

Happening

Non puoi vietare l’aborto. Puoi vietare solo l’aborto sicuro. In America, questa è una lezione che metà degli Stati Uniti sembrano disposti a imparare nel modo più duro, e che guida il dramma degli anni ’60 della regista femminista francese Audrey Diwan, che segue una studentessa testarda (Anamaria Vartolomei) attraverso un periodo di confusione e paura. Il film, che l’anno scorso ha battuto “Power of the Dog” e “Spencer” per il primo premio di Venezia, riporta il pubblico a un’epoca in cui l’aborto era illegale in Francia, ricordando quanto potesse essere spaventoso e alienante il processo per qualcuno determinato a interrompere sua gravidanza, ma incapace di trovare il supporto e la guida di cui ha bisogno per farlo. —PD

Hello, Bookstore

Il documentario di AB Zax segue la vita e il destino di un’amata libreria indipendente a Lenox, nel Massachusetts, e quindi potresti aspettarti che sia il tipo di film che si espande in una dichiarazione più ampia sullo stato caro e precario delle librerie indipendenti nel digitale/aziendale /era delle catene di negozi. Lo fa, ma solo implicitamente. Per 86 riverenti minuti, il film, senza mai lasciare i locali, si limita a scrutare negli angoli e nelle fessure di una libreria ingannevolmente tranquilla – che si chiama, per inciso, The Bookstore – e ripercorre l’esistenza quotidiana del suo missionario proprietario-curatore, Matthew Tannenbaum , un boomer sbarazzino che gestisce il posto come se fosse una biblioteca, un cocktail party e una proiezione dei suoi sogni letterari. Può raccogliere i fondi per salvare il negozio? L’oasi di una libreria comunitaria può vivere nell’era di TikTok? “Ciao,—OG

Hustle

È un film di Netflix, e quando ne senti parlare suona come… un film di Netflix: uno di quei film costosi ma a tariffa ridotta, eccessivamente illuminati, troppo lunghi perché sembrano non avere- i redattori di sceneggiature “piacevoli alla folla” è un’ombra del film che avrebbe potuto essere se fosse stato realizzato per le sale cinematografiche 25 anni fa. Ma “Hustle”, Netflix sia lodato, in realtà è quella versione migliore di se stesso: è un toccasana sportivo tanto esperto e completo quanto vorresti che fosse. Adam Sandler, nei panni di uno scout stanco per i Philadelphia 76ers che torna in gioco dopo aver scoperto una superstar spagnola allo stato grezzo, interpreta un personaggio di “Jerry Maguire” e “Rocky”, ma Sandler non lo ha fatto ha perso la flessibilità del mondo reale che aveva in “Uncut Gems”. La sua performance è una stampa a tutto campo di umanità sgualcita. — OG

Navalny

Quando guardi lo straordinario documentario avvincente come un thriller di Daniel Roher su Alexei Navalny, il leader dell’opposizione russa che si è insorto contro Vladimir Putin, lo ha sfidato alle elezioni presidenziali del 2017, è stato avvelenato da lui (ma è sopravvissuto) e ora stato imprigionato da lui, potresti pensare: se solo ci fossero una mezza dozzina di politici negli Stati Uniti che operassero con questa convinzione molto impavida. (Se solo Merrick Garland fosse Alexei Navalny!) Il film è il ritratto di un combattente per la libertà il cui pragmatico eroismo lo ha reso una figura paragonabile a Nelson Mandela o Lech Walęsa. La storia di come è stato avvelenato e ha finito per sbarazzarsi dei suoi avversari sotto copertura, è roba da suspense da mantello e pugnale. E mentre la guerra in Ucraina non ha cambiato il significato del film, lo ha accresciuto. Il nome “Navalny” ora significala capacità di resistere alla tirannia di Putin . “Navalny” documenta nientemeno che lo spirito su cui è costruita una società libera. —OG

Playground

La regista belga Laura Wandel porta il pubblico all’altezza degli occhi di una bambina di sette anni in questo sguardo semplice ma profondo su come il cervello di un bambino elabora il bullismo. Prendendo in prestito strategie da film diversi come “Il figlio di Saul” e “Ponette”, questa nuova voce promettente immerge intuitivamente il pubblico nella prima socializzazione del suo protagonista protetto. Vediamo una ragazza (la giovane Maya Vanderbeque dagli occhi sbarrati) sopraffatta dalle complesse dinamiche che l’attendono nel cortile della scuola, lottando per capire come il fratello maggiore che tanto ammira sia influenzato dai giochi di potere primitivi tra i suoi coetanei. Questo film onesto e inquietante funge da microcosmo del mondo adulto (a parte un insegnante comprensivo, gli adulti sono quasi banditi ai margini), costringendoci a confrontarci con ricordi poco lusinghieri e a lungo repressi dei nostri ruoli sia di vittima che di aguzzino. —PD

Top Gun: Maverick

No, non è un’epifania di popcorn così perfetta come l’originale “Top Gun”. Come potrebbe essere, dato che sta lavorando in ogni momento per toccare la nostra nostalgia per il primo film, che era una quintessenza irresistibilmente spensierata-del-video-musicale-anni ’80-incontra-il-reclutamento-della-marina-e fantasia di libertà e vendetta nei cieli, tutto costruito attorno a una star del cinema che è diventata, con quel film, un inarrestabile missile Cruise? Eppure “Maverick” fa molto di più che toccare semplicemente la nostra nostalgia. Lo fa con uno stile delizioso e una rilevanza evasiva, riposizionando Tom Cruise come un vecchio mentore da ragazzo volante che deve dimostrare di avere ancora le cose giuste. Il film offre scene di combattimento a bassa quota che sono così elettrizzanti e reali: ci siamoquelle cabine di pilotaggio, mentre i jet da combattimento salgono da terra e sfrecciano dietro gli angoli che avrebbero fatto schiantare Chuck Yeager – che la frase “come un videogioco” diventa, per una volta, un’evocazione della Hollywood mainstream nella sua forma più abile. —OG

Close Menu